AAST
amici degli archivi storici
gruppo europeo di cultura



Conferenze 1998-2000       Conferenze 2001      Conferenze 2002      Conferenze 2003      Conferenze 2004

Conferenze 2005      Conferenze 2006      Conferenze 2007      Conferenze 2008      Conferenze 2009      Conferenze 2010


Gli ultimi Relatori

AAST


Tomaso Vialardi di Sandigliano

· IL LIBRO DEGLI OSPITI ·
1921-1991

Prefazione di Aldo Alessando Mola

Un viaggio non convenzionale e irriverente attraverso una memoria che abbiamo dimenticato

il libro degli ospiti

I decenni tra il 1910 e la caduta del muro di Berlino segnano un periodo capitale per l'Europa, perché disegnano il passaggio tra l'implosione inaspettata dei grandi assolutismi mitteleuropei, imperi e dittature e la ritracciazione dei suoi confini e delle sue democrazie. Storia conosciuta, ma i cui risvolti più compiegati sono ancora terra di discussione o sepolti in quei cimiteri di comodo in cui la nostra società sotterra con funerali di Stato verità imbarazzanti. Nell'ambiente indiscreto, privato e intimo dei saloni di un castello medioevale capace di resistere ai duchi di Savoia fino al 1426, le firme sul suo "Libro degli Ospiti" rappresentano una traccia intermittente di quella storia più minuta sovente sottaciuta, un mondo complesso di simboli e di riti, un viaggio tra il 1921 e il 1991 graffiante e non usuale nella nostra memoria. Tra le firme degli Ospiti, donne e uomini semplici spettatori coinvolti dalla propria posizione nella società del tempo o co-attori consapevoli della condizione storica, scorre un passato vicino dove si intrecciano episodi opachi della nostra storia contemporanea, tra Tedeschi prima Alleati e poi nemici, Case Regnanti in fuga, Resistenza, Ordini più o meno sacri e più o meno profani, Malta e Massoneria, Vaticano e Servizi Segreti. Uno spazio silenzioso che ha determinato cinquanta anni di assetti politici dell'Italia postbellica, implicando scelte, fatti e interrelazioni non sempre percepibili se slegati dal contesto del behind the scene internazionale. Trame ancora avvolte in ambiguità volute e "distinguo" storico-etimologici, che hanno lasciato senza volto molte controparti di un passato appena passato, come l'omicidio di Mozart, il suicidio-delitto di Mayerling, l'attentato di Sarajevo e di un presente che era ieri, come la strana sepoltura di Evita Perón, l'uccisione di Che Guevara, la doppia vita di John F. Kennedy e la morte di Diana Spencer (Lady D). A partire da schegge sparse di ricordi che l'Autore ha raccolto negli archivi di famiglia, in quelli dell'intelligence family internazionale e in fondi privati, il "Libro degli Ospiti" propone approfondimenti che a volte discordano e a volte completano eventi cari alla nostra mitografia, senza presunzione di revisione o giustificazione. Il castello è il testimone-cornice che lega i protagonisti del "Libro degli Ospiti", tra le cui mura corre un viaggio irriverente che oscilla tra tragedia e parodia del gossip storico, un viaggio non convenzionale e coinvolgente attraverso una memoria che ci è vicina ma che abbiamo dimenticato.


copertina Libro degli Ospti

strillo Libro degli Ospti


AAST

back to the top

Site Index

© Vialardi di Sandigliano Foundation 1995-2017 and Amici degli Archivi Storici. All rights reserved.