EI MM emblema araldico AM CC

Istituto del Nastro Azzurro
Federazione di Biella e Vercelli “Ugo Mak Machieraldo MOVM”

socio onore nastro azzurro citta di biella
emblema araldico biella
citta di biella
oro VM
oro

motivazione medaglia oro
Per le genti del biellese - ribelli da sempre al servaggio e all'ingiustizia, dalle gloriose tradizioni Risorgimentali, prime nelle grandi lotte sociali - la Resistenza fu spontanea riaffermazione 'attaccamento alla Libertà ed agli insopprimibili diritti dell'uomo. Migliaia di ebrei e di ex militari italiani e alleati furono sottratti alla deportazione della popolazione generosa, fonte e supporto determinante delle formazioni armate. Eroica quotidiana lotta, nonostante feroci rastrellamenti e barbare rappresaglie - sabotaggio della produzione per i nazisti - fabbricazione di armi per le Formazioni partigiane - incursioni di sabotatori anche lontano dalle basi biellesi - massicce azioni di collegamento con le Forze Alleate - atti di autogoverno del CLN in tutta la zona, quali: tassazione straordinaria, stipulazione ed applicazione "Contratto sindacale della Montagna", in uno con il salvamento totale delle fabbriche e l'autoliberazione di Biella, prima tra le Città del Nord, completano il quadro operativo ed illustrano l'efficienza della Resistenza Biellese. 667 Caduti, 313 invalidi e mutilati furono il prezzo della lotta per la libertà conclusasi con la resa incondizionata - in Biella - del 75° Corpo d' Armata tedesco e dipendenti Divisioni fasciste Monterosa e Littorio. Biella, settembre 1943 - aprile 1945.

Biella, settembre 1943 - aprile 1945
(GU 314, 31-3-1980)

military insigna

Indice del sito

© Vialardi di Sandigliano Foundation 2004-2017 and Istituto del Nastro Azzurro Federazione di Biella e Vercelli. All rights reserved.